Honda Clarity, pronta l’auto a idrogeno dell’azienda giapponese

310 0
310 0

È da anni ormai che Honda sta lavorando sulla messa in produzione di un veicolo alimentato a celle di combustione a idrogeno. Il primo prototipo si chiamava FCX e dal 1999 a oggi è stato la base di prova per tutti gli esperimenti e gli studi necessari alla realizzazione dell’auto definitiva, che ora ha un nome: Honda Clarity.

In realtà è già in vendita da qualche tempo in California (a 60mila dollari), ma è stata presentata anche in Europa in occasione del Salone di Ginevra. Si tratta di una berlina dalle dimensioni abbastanza compatte, ma dagli spazi generosi all’interno. Esteticamente ammicca al futuro con qualche linea azzardata, mantenendo però un look vicino ai più recenti esemplari di berline eco friendly (su tutte Toyota Prius). È riccamente equipaggiata, come una Accord d’alto profilo: cerchi da 18 pollici, navigatore, avviamento a distanza, sedili in pelle riscaldati, assistenza alla guida e fari a led sono solo alcuni esempi.

Il cuore pulsante è una pila a combustibile confezionata in un contenitore di metallo grande quanto un pc. Al suo interno, idrogeno e ossigeno si combinano per creare l’energia elettrica necessaria a muovere il mezzo, producendo semplice acqua come sottoprodotto di scarto. Nonostante non siano ancora noti i dettagli sulle prestazioni (a parte la potenza, circa 140 cavalli), appare interessante il dato sull’autonomia, che si attesta intorno ai 580 chilometri.

Ma l’idrogeno non è la sola opzione per la Clarity. Da Honda fanno sapere infatti che presto vedremo anche un modello ibrido plug-in e uno total electric a completare l’offerta su questa gamma, con ogni probabilità in vetrina al prossimo Salone di New York.

Ultima modifica: 20 marzo 2017

In questo articolo